• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confesercenti Pesaro Urbino

mercoledì
mar  20 


 

 

 

 

Home NOTIZIE News - Ultime dalla Redazione Fano - ZTL: quando burocrazia e commercio non vanno d’accordo
Fano - ZTL: quando burocrazia e commercio non vanno d’accordo PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
Martedì 26 Luglio 2011 00:00
Le regole introdotte dal Comune per gestire gli ingressi nella ztl penalizzano il commercio e Confesercenti chiede di ripensarle

"Il lavoro fatto dal Comune di Fano per la limitazione dei veicoli in ingresso nel centro storico ci trova assolutamente d’accordo: vanno bene le regole di limitazione alle motorizzazioni dei veicoli, vanno bene le fasce orarie istituite e vanno bene le restrizioni, ma la trafila per i pass di accesso temporaneo ci pare esagerata". Così Pier Stefano Fiorelli, vice presidente vicario dell’associazione che riunisce i commercianti della città, si fa portatore delle ragioni che in questi giorni stanno muovendo molti operatori del centro storico a criticare l’amministrazione. "Ci sono  delle categorie _ continua _ per le quali è assolutamente necessario accedere con rapidità ai pass. In particolare i rappresentanti, che riforniscono i negozi del centro, e chi fa carico e scarico merci nella stessa zona. Chiediamo che l’amministrazione comunale ponga mano ad una ristrutturazione, non tanto delle regole dei permessi, quanto sempicemente alla trafila burocratica del rilascio. Alcuni commercianti affermano che i loro rappresentanti, se le cose continuano ad essere così complicate, si rifiuteranno in futuro di entrare in centro e questo sarà deleterio perché costringerebbe gli operatori a spostarsi dal centro pur di non perdere i loro fornitori. Se un rappresentante nella giornata ha più di un appuntamento nella zona, non può permettersi di perdere troppo tempo andando prima dai vigili a ritare i moduli, poi in banca a pagarli, poi a comprare le marche da bollo da allegare e successivamente di nuovo dai vigili a riconsegnarli. Questa è anche una questione di logica: si deve tenere in considerazione che la trafila implica anche parcheggiare, fare gli spostamenti a piedi e fare le file negli uffici. Proponiamo, dunque, di prendere ad esempio le città limitrofe, Pesaro e Senigallia in primis, dove le pratiche per avere il permesso temporaneo, almeno per alcune categorie, possono essere evase direttamente negli uffici della Municipale pagando la cifra stabilita".
Ultimo aggiornamento Lunedì 03 Ottobre 2011 09:00
 

MOTORE DI RICERCA

 64 visitatori online

I vantaggi per i soci Confesercenti

QUESTO SITO NON UTILIZZA COOKIE
Seguici su Facebook
da oggi puoi seguirci anche su Twitter

I Nostri Ristoranti

Campagna associativa 2018

Festival Internazionale del Brodetto