• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confesercenti Pesaro Urbino

lunedì
feb  18 


 

 

 

 

Home NOTIZIE News - Ultime dalla Redazione Pesaro e Urbino- Abbonamento Rai anche per i computer? Confesercenti si oppone al nuovo balzello
Pesaro e Urbino- Abbonamento Rai anche per i computer? Confesercenti si oppone al nuovo balzello PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
Martedì 21 Febbraio 2012 00:00

“Ci opponiamo a quest’altro assurdo balzello che si vuole imporre alle imprese”. Così Roberto Borgiani direttore Confesercenti di Pesaro e Urbino spedisce al mittente la comunicazione inoltrata in questi giorni a migliaia di operatori dalla Rai, Radiotelevisione italiana, nella quale si esige il pagamento dell’abbonamento speciale per il possesso di apparecchi come computer e simili, normalmente non finalizzati alla ricezione di programmi televisivi.

Secondo la Rai, infatti, anche come conseguenza dell’entrata in vigore dei nuovi obblighi per le imprese previsti nell’art. 17 del decreto Salva Italia, l’imposizione del canone riguarderebbe non solo il possesso di televisori, ma anche di qualsiasi dispositivo atto o adattabile a ricevere il segnale tv, inclusi monitor per il Pc, videofonini, videoregistratori, Ipad, addirittura sistemi di videosorveglianza. Basterebbe quindi avere un computer per essere costretti a pagare una somma che, a seconda della tipologia di impresa, va da un minimo di 200 euro fino a 6.000 euro l’anno.

“Una richiesta inaccettabile –aggiunge Borgiani- con la quale si pretende di tassare strumenti che gli imprenditori utilizzano per lavorare e non per guardare i programmi Rai. In questo momento di crisi, poi, con migliaia di attività ancora alle prese con i danni causati dall’emergenza neve, ci vuole un bel coraggio a chiedere altri soldi, soprattutto se per un’imposta ingiustificata come questa, che non si basa su un riscontro delle reali situazioni operative, ma ci sembra piuttosto rispondere ad una evidente esigenza di far cassa”.

Confesercenti appoggia, quindi, la protesta di Rete Imprese Italia che si è già attivata per ottenere dal Governo una modifica normativa che escluda da ogni obbligo l’utilizzo di computer o apparecchi similari che fungono da strumenti di lavoro per le aziende.

Ultimo aggiornamento Martedì 21 Febbraio 2012 12:59
 

MOTORE DI RICERCA

 54 visitatori online

I vantaggi per i soci Confesercenti

QUESTO SITO NON UTILIZZA COOKIE
Seguici su Facebook
da oggi puoi seguirci anche su Twitter

I Nostri Ristoranti

Campagna associativa 2018

Festival Internazionale del Brodetto