• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confesercenti Pesaro Urbino

lunedì
mag  20 


 

 

 

 

Home NOTIZIE News - Ultime dalla Redazione Fano - A proposito di commercio e piccola impresa
Fano - A proposito di commercio e piccola impresa PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
Mercoledì 14 Marzo 2012 00:00

Novità fiscali e previdenziali, ma anche liberalizzazioni, accesso al credito e lotta all’abusivismo: sono questi gli argomenti principali discussi nel corso della riunione promossa da Confesercenti, che si è svolta lunedì sera nella Sala del Consiglio del Comune di Fano.
In particolare, nel corso dell’incontro, i consulenti dell’associazione hanno approfondito le questioni tecniche relative a fisco e pensioni –dal redditometro, al nuovo sistema contributivo- illustrando agli operatori quali sono gli scenari che si aprono per le imprese con la Manovra Monti.

Non è mancato da parte del vicepresidente provinciale di Confesercenti Pier Stefano Fiorelli un accenno al ruolo delle banche che, pur incentivate con interventi ad hoc, “continuano a non agevolare l’accesso al credito delle imprese, ostacolando di fatto nuovi investimenti e bloccando qualsiasi iniziativa rivolta al miglioramento delle strutture esistenti, con particolare riferimento alle attività turistiche del territorio”. Un riferimento anche alla questione del sistema fiscale: “giusto verificare la corretta emissione degli scontrini e punire chi non è in regola –ha aggiunto Fiorelli- ma chiediamo che con la stessa solerzia si combatta chi lavora senza le necessarie autorizzazioni e non rispettando le disposizioni, sia locali, sia nazionali, a partire dagli abusivi operanti nel settore della ristorazione, contro i quali abbiamo già avviato una battaglia sul territorio, sollecitando anche la collaborazione dei sindaci della zona di Fano. I commercianti sono sottoposti a centinaia di controlli di ogni tipo e la stragrande maggioranza di loro è in regola, è inaccettabile che passino per evasori”.

Il dibattito si è poi acceso inevitabilmente sulla questione delle liberalizzazioni degli orari e delle aperture festive e domenicali, considerate un regalo alla grande distribuzione e non una reale apertura verso la libera concorrenza: “Così come è impostata la norma –ha spiegato il direttore provinciale Roberto Borgiani- è la Gdo che decide per tutti. Il problema non è il numero delle domeniche di apertura, ma il fatto che i piccoli negozi debbano correre dietro alle grandi catene, con le quali ovviamente non possono competere”.
“Catene per lo più straniere –ha incalzato Ilva Sartini direttore di Fano- che drenano via risorse dal territorio, investendo altrove. Invece di agevolare la concorrenza, il rischio è di cadere nel monopolio degli ipermercati”. Da qui la richiesta degli operatori presenti di dare una spallata alla grande distribuzione, riqualificando i negozi e facendo conoscere la qualità dei nostri prodotti.

Confesercenti si è impegnata a portare avanti una battaglia sulle singole questioni, sia in ambito locale e regionale –l’associazione ha già avviato una campagna di sensibilizzazione nei confronti dei parlamentari eletti nelle Marche sul tema delle liberalizzazioni- sia a livello nazionale attraverso la sinergia creata con Rete Imprese Italia.

Ultimo aggiornamento Giovedì 15 Marzo 2012 09:05
 

MOTORE DI RICERCA

 66 visitatori online

I vantaggi per i soci Confesercenti

QUESTO SITO NON UTILIZZA COOKIE
Seguici su Facebook
da oggi puoi seguirci anche su Twitter

I Nostri Ristoranti

Campagna associativa 2018

Festival Internazionale del Brodetto