• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confesercenti Pesaro Urbino

domenica
mag  19 


 

 

 

 

Home NOTIZIE News - Ultime dalla Redazione Pesaro - In centro storico per vivere un’emozione
Pesaro - In centro storico per vivere un’emozione PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
Venerdì 21 Marzo 2014 00:00

 


 

Paolo Pagnini, portavoce del Consorzio al Centro di Pesaro: “Il centro città deve offrire un’offerta globale finalizzata allo star bene” (nella foto la conferenza stampa di presentazione dei risultati relativi all'indagine conoscitiva sul rapporto tra cittadini ecentro storico - ARCHIVIO UFFICIO STAMPA COMUNE DI PESARO)


Importanti spunti di riflessione sul rapporto tra cittadini e centro storico di Pesaro sono scaturiti dall’indagine conoscitiva commissionata all’istituto di ricerca Sigma Consulting da Consorzio al Centro di Pesaro, Comune di Pesaro, Camera di Commercio, Pesaro Parcheggi, Confesercenti, Confartigianato, Cna, Confcommercio e Confindustria.
“E’ la prima volta che l’argomento viene approfondito attraverso uno studio realizzato su basi scientifiche, riferito non solo ai commercianti, ma anche ai cittadini –spiega Paolo Pagnini portavoce del Consorzio- ed è stato interessante vedere come i risultati abbiano confermato qualche nostra sensazione, mentre altre siano state clamorosamente smentite”.
Il primo risultato è la consapevolezza che il centro storico non è in competizione con i centri commerciali: “Si tratta di due livelli diversi –aggiunge Pagnini- i centri commerciali si fanno concorrenza tra loro, ma non possono mettersi in competizione con le attività del centro dove si va non solo per comprare, ma per incontrarsi, passare del tempo, vivere un evento. In questo contesto quello che il cliente si aspetta è la presenza di negozi di qualità dove si è seguiti, coccolati, assecondati ed accolti con attenzione. Già questo è significativo per i commercianti: sapere che non è la battaglia all’ultimo prezzo quella da intraprendere in centro, ma che serve altro, un’offerta globale finalizzata allo star bene”.
Sorprendente poi la differenza di percezione tra cittadini e commercianti su alcuni temi ‘caldi’, come, ad esempio, i parcheggi: “Dallo studio emerge che per i cittadini non si tratta di un problema prioritario –afferma Pagnini- prendono tranquillamente la macchina, utilizzando, al bisogno, i parcheggi scambiatori. I commercianti, invece, pensano che dover cercare un posto auto e trovarlo non sempre vicino, allontani la clientela dal centro storico. Questa differenza tra reale e percepito ci fa capire come ai commercianti in alcuni casi arrivino informazioni errate e come la ricerca sui motivi della contrazione dei consumi alle volte sia anche mal indirizzata”. Altro aspetto significativo scaturito dal sondaggio è la natura del centro città come un ‘unicum’ nel quale convivono attività commerciali, bar, residenti, dipendenti di uffici, tutte realtà apparentemente distaccate tra loro e che invece sono chiamate necessariamente ad interagire, rispettando le reciproche esigenze.
Cosa fare, quindi? “Dal sondaggio emerge la necessità di interventi non tanto finalizzati all’immediato cioè a creare eventi oggi per domani –spiega Pagnini- ma a una programmazione strategica che punti a dare immagine e a riportare gente in centro nel tempo, con azioni che anno dopo anno consentano di ripartire da un risultato e non sempre da zero, come si è fatto finora. In quest’ottica, meglio riqualificare che rivitalizzare: un evento rilancia il centro e le sue attività per qualche giorno, una settimana al massimo. Un intervento di riqualificazione, invece, mette delle basi che nel tempo si traducono in una diversa qualità della vita. Ciò che si chiede è di smettere di pensare e di agire in emergenza e cominciare a fare scelte che guardano lontano”.

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Marzo 2014 12:31
 

MOTORE DI RICERCA

 42 visitatori online

I vantaggi per i soci Confesercenti

QUESTO SITO NON UTILIZZA COOKIE
Seguici su Facebook
da oggi puoi seguirci anche su Twitter

I Nostri Ristoranti

Campagna associativa 2018

Festival Internazionale del Brodetto