• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confesercenti Pesaro Urbino

sabato
apr  20 


 

 

 

 

Home NOTIZIE News - Ultime dalla Redazione Pesaro Urbino - Nuova moratoria dei crediti
Pesaro Urbino - Nuova moratoria dei crediti PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
Martedì 07 Aprile 2015 00:00

Confesercenti, insieme con le altre associazioni di imprese, ha sottoscritto, il primo aprile 2015, con l’ABI, un nuovo Accordo.

Questo protocollo che resterà in vigore fino al 31 dicembre 2017 prevede tre iniziative:
1. Imprese in Ripresa, in tema di sospensione e allungamento dei finanziamenti;
2. Imprese in Sviluppo, per il finanziamento dei progetti imprenditoriali di investimento e il
rafforzamento della struttura patrimoniale delle imprese;
3. Imprese e PA, per lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Questi i punti caratteristici delle iniziative.
1. Imprese in ripresa
L’intesa prosegue gli interventi diretti al sostengo delle PMI ed è finalizzata, in particolare, a consentire alle imprese in bonis, incluse quelle con qualche difficoltà finanziaria, di:
a) Sospendere per 12 mesi il pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti anche in leasing; (c.d. “moratoria”). Occorre segnalare che l’Accordo permette di sospendere anche i finanziamenti che hanno già beneficiato di tale strumento negli anni passati, con la sola esclusione di quelli per i quali la sospensione è stata richiesta nei 24 mesi precedenti.
Di particolare interesse le clausole che fissano per le imprese in bonis lo stesso tasso delle operazioni originarie; per le imprese che manifestino difficoltà nel rimborso del prestito il tasso non aumenta a condizione che vi sia una garanzia o controgaranzia equivalente; negli altri casi la sospensione potrà comportare un tasso di interesse bancario nel limite dello 0,75%.
b) Allungare la durata dei mutui fino al 100% della durata residua del piano di ammortamento, con tetto di 3 anni per i finanziamenti chirografari e di 4 anni per gli ipotecari. L’eventuale incremento del tasso di interesse non potrà di norma superare il livello dell’1%. Non è previsto aumento di tasso se l’impresa si ricapitalizzi o effettui processi di aggregazione. Vi è, inoltre, l’allungamento a 270 giorni dalla scadenza del credito a breve termine, allo stesso tasso di quello originario, salvo che non si determinino oneri patrimoniali aggiuntivi per la banca.

2. Imprese in sviluppo
E’ istituito un plafond specifico con una dotazione di 10 miliardi di Euro che servirà a favorire finanziamenti per investimenti in beni strumentali (materiali ed immateriali) anche attraverso “la Nuova Sabatini”. La misura si estende all’incremento del capitale circolante necessario a rendere operavi investimenti realizzati o in corso.
Le garanzie previste sono quelle del Fondo di Garanzia, dell’ISMEA, e dei Confidi.

3. Imprese e PA
Anche per lo smobilizzo dei crediti verso la PA viene costituito un plafond di 10 md di euro, per lo sconto pro soluto anche con la garanzia dello stato, per l’anticipazione con cessione, per l’anticipazione senza cessione.

Come si può notare l’Accordo non è solamente la riproposizione della moratoria, ma è anche una opportunità individuata da Associazioni e ABI per agganciare la ripresa per mezzo del migliore utilizzo della leva creditizia, indispensabile per lo sviluppo.
INFO: presso tutte le sedi CONFESERCENTI e FIMCOST.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 07 Aprile 2015 11:08
 

MOTORE DI RICERCA

 67 visitatori online

I vantaggi per i soci Confesercenti

QUESTO SITO NON UTILIZZA COOKIE
Seguici su Facebook
da oggi puoi seguirci anche su Twitter

I Nostri Ristoranti

Campagna associativa 2018

Festival Internazionale del Brodetto