• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confesercenti Pesaro Urbino

martedì
mar  26 


 

 

 

 

Home NOTIZIE News - Ultime dalla Redazione Pesaro - Intesa sulla riconversione degli alberghi chiusi: Confesercenti contro
Pesaro - Intesa sulla riconversione degli alberghi chiusi: Confesercenti contro PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
Mercoledì 19 Ottobre 2016 00:00

Intervento di Roberto Borgiani, direttore Confesercenti Pesaro Urbino

Leggiamo sulla stampa dell’intesa raggiunta tra Comune di Pesaro e Apa sulla trasformazione degli alberghi chiusi. Intesa che, in sintesi, prevede una cubatura massima del 30% per la riconversione in residenziale, del 50% per gli appartamenti turistici e del 70% per i residence, sempre destinati al turismo.

Un’intesa che, a guardar bene, fa acqua da tutte le parti.

In primo luogo, perché riconvertire con queste modalità gli alberghi in disuso significa porre un freno allo sviluppo turistico e, quindi, perdere potenziali imprese, posti di lavoro, indotto. Tutto questo favorisce soltanto la rendita edilizia. Le strutture chiuse sul lungomare, certo, stonano con l’immagine della città e vanno rinnovate, ma senza rinunciare ad opportunità d’impresa preziose, in un settore, per di più, in crescita, e che non potranno essere più recuperate.

Secondo, perché non è vero, come dice il presidente Apa Fabrizio Oliva, che Pesaro non ha necessità di posti letto. Capita che, in occasione di manifestazioni importanti organizzate in città, i turisti si spostino fino a Gabicce per trovare una sistemazione. E poco conta che ciò accada due o tre volte l’anno: non è certo un buon biglietto da visita per una città che punta sul turismo dirottare clienti in altre città, né si può crescere in eventi e manifestazioni con questo tipo di presupposti.
E’ come dire: più in là di così non andremo mai e, quindi, accontentiamoci.

Da ultimo, una considerazione: riunioni ed accordi che riguardano il futuro turistico di Pesaro non coinvolgono soltanto gli albergatori, ma anche altre categorie che di turismo vivono e sul turismo investono:  titolari di bar, di ristoranti e di strutture turistiche extra-alberghiere, guide turistiche e tante altre professioni. Smettiamola di ragionare a compartimenti stagni: il concetto di ‘città ospitale’ si costruisce insieme e deve essere un impegno condiviso. Siano condivise allora anche le strategie, i programmi, le intese.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 19 Ottobre 2016 11:34
 

MOTORE DI RICERCA

 79 visitatori online

I vantaggi per i soci Confesercenti

QUESTO SITO NON UTILIZZA COOKIE
Seguici su Facebook
da oggi puoi seguirci anche su Twitter

I Nostri Ristoranti

Campagna associativa 2018

Festival Internazionale del Brodetto